Logo Ecomuseo

POLAVENO - La Pozza di Magazzo

Una pozza per l'abbeverata posta in un secolare castagneto.
 
La Pozza di Magazzo, detta anche Pozzone per le sue grandi dimensioni, si trova sul versante che dalla frazione polavense di Gombio sale a S. Maria del Giogo. A metà costa, infatti, si apre un pianoro dotato di numerose cascine; il pendio è terrazzato con muretti a secco ormai in degrado, testimonianza di antiche coltivazioni. Sono inoltre presenti ampi castagneti, tra i quali quello che ospita la Pozza stessa, dotato di alcune piante di notevoli dimensioni.
La pozza è stata realizzata al fine di rendere possibile l'abbeverata del bestiame. Esistono documenti del 1630 (Notarile, Archivio di Stato di Brescia) in cui essa è citata come luogo di emarginazione degli appestati (atti notarili dell'epoca documentano l'emissione in loco di testamenti da parte di persone colpite dalla malattia).
Nel 1861, il castagneto risulta di proprietà del Pio Luogo Elemosiniere di Polaveno; sono stati rinvenuti atti dell'epoca per l'affittanza delle castagne (Archivio di Stato di Brescia).
La particolare flora tipica delle aree umide, la frequentazione di animali selvatici (cinghiale, cervo e capriolo), nonché la maestosità degli alberi che la circondano rendono l'ambiente della Pozza di Magazzo di grande interesse storico-paesaggistico-ambientale.

Per tale motivo, negli anni 2006-2008, la Pozza è stata oggetto di un'azione didattica condotta dal Gruppo di Storia Locale di Polaveno e dalla Scuola Media del paese, e che si proponeva di recuperare la pozza e curare al meglio i castagni presenti. L'iniziativa si collocava all'interno di un progetto di "adozione" didattica-educativa che avrebbe coinvolto anche il Comune e la locale squadra di Protezione Civilie, ma non ebbe esito a causa dell'opposizione di alcuni cacciatori che avevano il capanno nei dintorni della località.
Attualmente la Pozza è in via di estinzione a causa del disuso e del versamento di terra durante la realizzazione di una strada agro-silvo-pastorale nel 2002-2003.
 
La Pozza di Magazzo è segnalata nelle pubblicazioni
Atlante Bresciano n. 68, autunno 2001 pag. 22;
Quaderni del'Öfilì n. 6, maggio 2002 pag. 14;
Racconti e sentieri di S. Maria del Giogo (M. Abati, Grafo 2003) pag. 84;
Polaveno nella storia e nell'arte (a cura di C. Sabatti, Ed. La Rosa 2003), pagg. 69-73;
Quaderni del'Öfilì n. 9, aprile 2004 pagg. 12-14;
Quaderni del'Öfilì n. 11, giugno 2010 pag. 5.
 
Scheda redatta da Mauro Abati – Gruppo di storia locale di Polaveno, ass. Versanti.
contentmap_plugin

Tags: bosco, Acqua

Un territorio, un patrimonio:

la Mappa di Comunita'

Contattaci

 
 
Ecomuseo-di-Valle-Trompia
logo-ecomuseo-regione

ECOMUSEO DI VALLE TROMPIA - LA MONTAGNA E L'INDUSTRIA
Complesso conventuale di Santa Maria degli Angeli - via San Francesco d'Assisi - 030 8337424  
Tutti i contenuti sono di proprietà della Comunità Montana di Valle Trompia © 2014,2015 - realizzazione uovodicolombo

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

Cookies

I cookies sono piccoli file di testo che i siti visitati inviano al terminale dell'Utente, dove vengono memorizzati, per poi essere ritrasmessi agli stessi siti alla visita successiva.

Il Sito utilizza:

cookies di sessione utilizzati per la gestione del servizio di autenticazione strumentale all’accesso alle aree riservate del Sito; i cookies di autenticazione consentiranno la memorizzazione temporanea dell’username e della password scelti per l’accesso all’area riservata del Sito;
cookies analytics utilizzati per raccogliere informazioni, in forma aggregata, sul numero degli Utenti e su come gli stessi visitano il Sito; i cookies analytics consentono, tra l’altro, la raccolta e l’elaborazione dei dati di navigazione dell’Utente, tra cui gli indirizzi IP o i nomi a dominio dei computer utilizzati dagli Utenti che si connettono al Sito, gli indirizzi in notazione URI (Uniform Resource Identifier) delle risorse richieste, l'orario della richiesta, il metodo utilizzato nel sottoporre la richiesta al server, la dimensione del file ottenuto in risposta, ed altri parametri relativi al sistema operativo e all'ambiente informatico dell'Utente; i dati sono raccolti all’unico fine di elaborare informazioni statistiche anonime sull'uso del Sito e per verificare il corretto funzionamento dello stesso; i dati di navigazione potrebbero essere utilizzati in vista dell’identificazione dell’Utente solo nel caso in cui ciò fosse necessario per l’accertamento di reati di natura informatica.
I cookies utilizzati dal Sito non consentono la raccolta di informazioni personali relative all’utente e si cancellano automaticamente con la chiusura del browser di navigazione.

L’Utente può scegliere di abilitare o disabilitare i cookies intervenendo sulle impostazioni del proprio browser di navigazione secondo le istruzioni rese disponibili dai relativi fornitori. La disabilitazione dei cookies di sessione comporterà l’impossibilità per l’Utente di autenticarsi in vista dell’accesso all’area riservata del Sito.